Kaurismaki, lo scultore

Di Kaurismaki ti rimangono addosso le facce e i colori. Le rughe, le espressioni e i gesti sobri dei personaggi; come sono sobri, senza perdere in potenza evocativa, gli accostamenti cromatici delle inquadrature.

E’ tutto qui, ed è una meraviglia. La poetica degli ultimi, la rivincita degli sconfitti dalla vita è paradossalmente sempre ricca, senza cedere a facili buonismi, senza lasciarsi andare a struggimenti e commozioni.

Una rarefazione di gesti e di parole che diventa favola imperitura. Miracolo a Le Havre è opera di uno dei pochi scultori d’immagini rimasti nel panorama cinematografico.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: